Stampa

Anche oggi a pranzo mangerò da solo e

non ho voglia di apparecchiare la tavola.

Credo che tra poco spegnerò il computer ed uscirò.

Fuori è una giornata splendida

strana per essere dicembre. Sembra primavera e allora prenderò

la macchina e farò un giro per la città.

In periferia hanno aperto una nuova pizzeria

Lì, fanno una buona pizza. Ci sono capitato per caso

con un mio amico per bere un caffè. Ho voglia di pizza e

credo che mangerò lì, prenderò una birra, due tranci farciti e un caffè

Il pizzaiolo è iraniano e anche sua moglie.

Lei non è bella, ma è gentile: è larga di fianchi e

ha una bocca maledettamente larga. È simpatica e

si esprime con un italiano stentato ma

si fa capire, comunque. Dice che è mussulmana, non praticante

infatti non porta il velo ed è vestita all’occidentale.

Un uomo non può avere più mogli - dice convinta - il Corano

lei lo interpreta a modo suo. Finalmente due mussulmani che lavorano

e si sono integrati con la città. Tra poco sarà Natale e

sono curioso di scoprire se nel loro locale ci

saranno gli addobbi. Ma non m’importa,

vado lì perché è pulito, luminoso e fanno un’ottima pizza.

Ho incontrato una mia vecchia amica, era uscita dal lavoro per la pausa pranzo

e anche lei si è fermata dai due iraniani. Marina è sola.

Abbiamo acquistato le nostre pizze e

sono andato a mangiarle da lei. Abbiamo parlato

del suo lavoro e del suo uomo, un mio amico,

che l’ha piantata dalla sera alla mattina.

Le pizze si sono raffreddate e

le abbiamo messe nel microonde e si sono ammollate.

Mi ha offerto un caffè, non era buono,

quando ci siamo salutati sono ritornato lì, al bar,

ne ho preso un altro.

Io amo il caffè forte, come si deve.

 

© Franco Duranti - dicembre 2016