Affronto i giorni con la solita monotonia

Che mi affastella la mente

L’apatia staziona in me, si fissa come cemento e

Non mi concede nemmeno un barlume di speranza

Indifeso mi lascio trasportare dalla noia

 

Mi cullo

Nella mia indolenza

Senza opporre alcuna resistenza

E mi lascio trascinare

Dalla corrente che mi sospinge

Via

Inerme

Senza reagire mi lascio andare

Come foglia morta

 

Mi sento foglia morta

Che a poco, a poco prende velocità

Per poi rallentare e

Mettersi a girare, girare

 

Poi mulinare

Sempre più forte,

Provo a scuotermi

Emergo a stento e

Mi gira la testa…

 

© Franco Duranti - 2021