Hai lo stesso nome

di mia madre

che non hai

mai conosciuto,

la sua stessa

carnagione avorio.

Hai lo stesso naso

affilato e dritto, 

con quella lieve gobba,

come il suo

e il mio che ti ho

dato la vita.

Hai lo stesso portamento

elegante e sicuro

di chi crede in sé,

la stessa grazia

come dice il tuo nome

Noemi,

quello scelto quando sei nata

e non sapevo

che in ogni istante

me l’avresti ricordata.

© Franco Duranti - 2013